News & Eventi
Le notizie più importanti dal mondo del lavoro
Lug
22

L’Inps con circolare n. 139 del 17 luglio 2015 ha fornito ulteriori precisazioni in riferimento alla disciplina del congedo parentale, a seguito delle modifiche apportate al T.U. maternità/paternità (decreto legislativo n. 151 del 26 marzo 2001) dal decreto legislativo n. 80 del 15 giugno 2015, in attuazione dell’art. 1, commi 8 e 9 della legge delega n. 183 del 2014 (Jobs Act).
In particolare per i genitori lavoratrici o lavoratori dipendenti è stato previsto un prolungamento del periodo di fruizione del congedo parentale fino a 12 anni di vita del figlio oppure fino a 12 anni dall’ingresso in famiglia del minore adottato.
In riferimento al trattamento economico per il congedo parentale ex art. 34 del T.U. è stato elevato da 3 a 6 anni di vita/ingresso in famiglia del bambino il periodo indennizzato a prescindere dalla condizioni di reddito al 30% della retribuzione media giornaliera.
Inoltre sono pure indennizzati al 30% ma in relazione alle condizioni di reddito i periodi di congedo parentale ulteriore rispetto al limite di 6 mesi oppure quelli fruiti tra i 6 anni e gli otto anni di vita del bambino o dall’ingresso in famiglia del minore adottato o affidato.
In merito alla prevista possibilità di fruire il congedo parentale su base oraria anche in assenza di regolamentazione da parte della contrattazione collettiva nazionale o aziendale l’Inps, nella circolare stessa, precisa che su tale riforma sarà emanata apposita successiva circolare.

Questa news è interessante? Condividila!Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone


« Torna all'archivio news